Polina Zlotnik

Scritto da Polina Zlotnik il 19 mar, 2011 in Operatrici | 15 commenti

Mi chiamo Polina Zlotnik, sono ostetrica dal 1985 e sono uno dei soci fondatori dell’Associazione Le Dieci Lune. Sono sposata, ho due figli e vivo in una casa in campagna a Titignano, vicino a Pisa.
Ho lavorato in ospedale e nei consultori. Attualmente lavoro come libera professionista.
Ho deciso di fare l’ostetrica dopo la nascita del mio primo figlio, nel 1979. Erano gli anni dell’estrema medicalizzazione, dei parti pilotati, del latte artificiale, della separazione madre bambino. Ma erano anche gli anni dei timidi tentativi di alcuni operatori e studiosi di invertire la rotta, di restituire il parto alle donne, di ripensare la fisiologia, di tutelare il legame madre bambino. Era con questi ultimi, in una maniera poco pensata e troppo poco consapevole, che mi sentivo affine. Ma non ero sufficientemente informata. Non avevo capito. Non mi sono affidata alle persone giuste. Mi ero preparata per il mio parto ma ho vissuto un parto gestito dagli altri.
Mi è rimasto un profondo senso di delusione, di tradimento, di difficoltà di accudimento di mio figlio. Per mesi ho continuato a tormentarmi. “Ci deve essere un altro modo” – pensavo. Quando mi sono riavuta, dopo aver analizzato ogni minimo dettaglio della mia esperienza, dopo un lungo lavoro fatto su di me, ho deciso: alle donne e ai bambini deve essere offerto un altro tipo di assistenza. Ho lasciato la Facoltà di Medicina, ero al 4° anno del corso di laurea, e mi sono iscritta alla Scuola di Ostetricia. Fino ad oggi, di questa scelta, non mi sono mai pentita.
Appena ho potuto, appena mi sono sentita sufficientemente preparata, ho iniziato ad assistere parti a casa. Inizialmente da sola, poi con una collega, come ostetriche del territorio, in un progetto sperimentale della allora USL5 Pisana. Contemporaneamente, in altre città Italiane, nascevano realtà simili alla nostra, gruppi di ostetriche si organizzavano in associazioni per offrire alle donne la possibilità di partorire a casa. Partecipavamo a seminari e convegni. Organizzavamo incontri per scambi di esperienze. Tutto questo mi aiutava a non sentirmi sola e a capire in che direzione stessi andando. Man mano che il tempo passava, la mia sicurezza cresceva, imparavo dalla mia esperienza, dal confronto e sopratutto dalle donne.
Ho imparato a stare accanto alle donne, a cogliere le loro trasformazioni, i loro cambiamenti, i loro momenti di crisi, le loro difficoltà. Ho imparato a riconoscere che cosa accade nel loro intimo e a trovare gli strumenti per aiutarle.
Ho imparato a fidarmi del loro corpo, dei loro bambini, del fatto che sanno partorire e nascere. Ho imparato a trasmettere loro questa fiducia. Mi sono messa a loro disposizione per aiutarle: a capire i loro bisogni, a fare scelte informate, a mettere al mondo e crescere i loro figli nel modo migliore per loro, più vicino possibile ai loro desideri e alle loro capacità. Ho aiutato le donne a vivere il parto come un’esperienza intima, personalizzata, di cui si sentivano le protagoniste. Ho fatto pace con il mio parto.
Contemporaneamente ho capito meglio il mio ruolo come ostetrica nel percorso nascita. Ho capito che il parto è un momento importante, direi fondamentale, ma che c’è un prima e un dopo. E che le donne hanno bisogno di sostegno. Durante la gravidanza. Nel parto, nel dopo parto. Del mio sostegno come ostetrica. Ma sopratutto del loro cerchio. Di stare insieme, di confrontarsi, di aiutarsi.
Ho investito, quindi, tanto, sui corsi pre e post parto, sugli incontri, sulla vita associativa, sul giornalino, sulle feste, sui video, e adesso sul sito.
Attualmente, dal 2002, collaboro con Sofia Donalisio, mia collega e amica. Da quando lavoriamo insieme abbiamo assistito circa 200 parti a casa, con grande soddisfazione nostra, delle donne e delle coppie che si rivolgono a noi. Negli ultimi anni assistiamo circa 30 parti all’anno. In altre sezioni del sito si possono trovare le nostre statistiche di cui, nel nostro piccolo, siamo estremamente orgogliose.

15 Commenti

  1. Buongiorno Polina,
    sono Erica, abito a Camaiore (LU) e sono incinta di 6 mesi alla terza gravidanza.
    I primi due sono nati in casa quando abitavamo a Verona con un’ostetrica di Feltre.
    Sto cercando un’ostretrica che mi assista il casa qui vicino, la d.d.p. è per il 11 Ottobre.
    Saresti disponibile? Quali sono le tue tariffe minime?

    Grazie,
    Erica

    • Cara Erica
      volentieri ti accompagno in questa nascita. La cosa migliore sarebbe incontrarci e conoscerci. Di tutto il resto possimo parlare a voce. Mi puoi scrivere a zlotnik@interfree.it per metterci d’accordo per vederci.
      A presto, stai bene,
      Polina

Lascia un Commento